Come fare a gestire l’ambiente durante un’aggressione

“Non confidare nelle parole menzognere di coloro che dicono: con le arti marziali impari a difenderti in qualsiasi situazione. Essi non considerano che il maligno ha al suo fianco l’ambiente.”

dal “Libro delle rivelazioni di Urban Budo”

Riflettiamo oggi su queste parole profetiche.

Perché se è innegabilmente vero che le arti marziali sono un tesoro di tecniche, è altrettanto vero che non considerano che, durante un’aggressione, il nostro nemico trova sempre nell’ambiente un suo grande alleato.

E questo per un peccato di superbia.

È superbo il karateka, il pugile e il thai boxer quando crede che in strada non si troverà mai con la schiena a terra e che ciò che ha imparato gli sarà utile anche in un ascensore, un bagno pubblico o schiena al muro.

È parimenti superbo il judoka, il lottatore e il praticante di brazilian ju jitsu quando non considera che a terra il malvagio potrà afferragli i capelli sbattergli la testa sull’asfalto.

Come fare allora a opporre fiera resistenza e contrastare il maligno in tutte queste situazioni?

Semplicemente prendendo consapevolezza del fatto che queste situazioni si possono realmente verificare.

Solo la consapevolezza della realtà ti guiderà nel corretto allenamento fatto di metodologie che ti consente di prepararti a gestire e a sfruttare l’ambiente a tuo vantaggio come:

  • L’allenamento dei 4 stazionamenti (in piedi, in ginocchio, seduto e coricato)
  • Gli allenamenti situazionali,
  • Gli allenamenti in esterno,
  • Gli allenamenti in simulazione,

Con queste e altre pratiche, tipiche del processo di allenamento di Urban Budo, yi sarà possibile tenere a bada il maligno e i suoi alleati qualora ti attaccassero per strada.

Ti ricordo che se ti senti smarrito e senti il bisogno di una guida, sia che tua sia un insegnante che una pecorella che desidera muovere i suoi primi passi nel mondo della difesa personale, la nostra porta è sempre aperta.

Scrivimi pure a eugenio@dojoshinsui.com

Eugenio

Dal 2009 Eugenio Credidio contrabbanda, nel suo dojo e attraverso il web, karate puro e autentico, raffinato da anni di pratica. Insomma una vera rarità per intenditori e appassionati. Oltre al piccolo dojo di Alessandria gestisce uno dei canali YouTube sul karate più seguiti in Italia. Nel 2013 ha pubblicato assieme al Maestro Balzarro, "On the road" per la OM edizioni e, nel 2020, "Passeggiando per la Via - Storia, riti e gesti del karate".

Altri articoli che ti potrebbero piacere

L’arma più forte nella difesa personale

L’arma più forte nella difesa personale

Questa è l’ultima puntata del podcast Autodifesa Semplice e ho voluto chiudere con il botto. Oggi ti parlerò in modo disilluso e realistico dell’arma più potente che puoi avere per difenderti e per farlo ti racconterò la storia di Patrizia.

Simulazioni: perché non le facciamo?

Simulazioni: perché non le facciamo?

Gli istruttori di difesa personale criticano spesso l’uso delle simulazioni.  Dicono che sono un’inutile farsa che non sarà mai in grado di riprodurre quello che succede realmente in strada. Quindi è meglio non farle. Ma, parafrasando Cole Porter, la mia domanda...

Nadide subisce un’aggressione

Nadide subisce un’aggressione

Nadide. Circa 25 anni, capelli cioccolato al latte, occhi penetranti e una fisicità felina. Una sera, ad Alessandria, andando a prendere la macchina nel parcheggio, si trova a gestire una brutta situazione. Questa è la storia di come ne è uscita.