Come trasformare un fallimento in una vittoria

Powered by RedCircle

Fallimento, che parola orribile.

Ci viene tristezza solo a leggerla.

Eppure, se ci pensi, il fallimento è il motore stesso dell’evoluzione, del miglioramento, della crescita.

Se non sbagliassimo, se non commettessimo errori, se non fallissimo non potremmo imparare e, di conseguenza, non potremmo migliorare.

Ecco perché io preferisco chiamarlo insuccesso e cioè “qualcosa che non è accaduto” qualcosa che “non è successa” come avrei desiderato o come mi sarei aspettato.

E io sono un fervente sostenitore degli insuccessi! Credo che siano accadimenti meravigliosi! Perché rappresentano delle incredibili opportunità.

E poi, diciamo la verità, come si reagisce ad un insuccesso definisce chi siamo.

Eppure, fin dalla scuola elementare, nonostante ci dicano sempre che “sbagliando si impara” , ci abituano a vergognarci dei nostri errori, a sentirci sbagliati o in difetto, anziché insegnarci ad analizzarli per trarne davvero un insegnamento.

E allora, per andare controtendenza, oggi ho deciso di condividere con te quello che, a una prima vista, è stato il mio più grande insuccesso nel mondo del karate, ma senza il quale, ne sono certo, oggi non sarei qui a parlarti.

Spero che quello che ho fatto io ti potrà essere di ispirazioni in momenti difficili.

La puntata in breve:

Un cammino di crescita personale

Molte volte osserviamo gli altri raggiungere traguardi e primeggiare in diverse sfere della vita, inclusa l’arte marziale del karate. Tuttavia, anche i più grandi campioni conoscono bene il gusto amaro dell’insoddisfazione interna; un segnale che, invece di demotivarci, dovrebbe spingerci ad un esame di coscienza profondo. Solo comprendendo le vere motivazioni che ci muovono, possiamo trasformare ciascun insuccesso in un gradino verso la vittoria personale.

Imparare dai propri errori

Il karate non ci insegna solo a colpire con precisione o a bloccare un attacco rivale, ma ci forma in una lezione di vita molto più ampia, quella di accettare e valorizzare i nostri errori. Ogni errore è una lezione camuffata, un’opportunità per aggiustare la rotta e perfezionarci. Anche quando la cintura ambita ci sfugge di mano o quando un kata non riesce come previsto, quei momenti sono i mattoni di una resilienza che ci costruisce giorno dopo giorno.

La condivisione come chiave di apprendimento

Una parte fondamentale della nostra crescita personale nel karate risiede nell’imparare dagli altri. Non importa che si tratti di un maestro, di un compagno di allenamento o di un allievo alle prime armi; ognuno ha una prospettiva unica da offrirci. Condividere la nostra esperienza e ascoltare quella altrui ci permette di riflettere e di incorporare nuove strategie nel nostro cammino marziale e nella vita di tutti i giorni.

Al di là dei titoli

In un mondo che spesso misura il valore con la quantità di medaglie e certificati, dobbiamo ricordarci che l’autentico apprezzamento per il karate trascende ogni titolo. Non è la carta o la cintura a definire il nostro impegno o la nostra maestria, ma l’essenza del nostro spirito e la costanza con cui ci dedichiamo a questa arte.

Ti va di sentirci?
Ogni giorno pubblico un micro podcast sul mio canale Telegram. Condivido qualche chicca sul karate, ti racconto qualcosa della mia vita da insegnante, rispondo alle domande degli iscritti al canale o semplicemente condivido qualche mio volo pindarico.
Per iscriverti devi semplicemente cliccare sul link qui sotto:

👉 ISCRIVITI AL MIO CANALE TELEGRAM

Puoi ascoltare il podcast anche su:

Eugenio

Dal 2009 Eugenio Credidio contrabbanda karate autentico ad Alessandria e nel web e insegna a riconoscere, prevenire e combattere la violenza. Oltre al sui dojo di Alessandria gestisce il canale YouTube di karate tradizionale più seguito d'Italia. Ha ideato il metodo di autodifesa Urban Budo che è stato riconosciuto dal CONI nel 2019. Nel 2013 ha pubblicato assieme al Maestro Balzarro, "On the road" per la OM edizioni e, nel 2020, "Passeggiando per la Via - Storia, riti e gesti del karate".

I Pirati del Karate

Ogni settimana scrivo una mail riservata ai Pirati del Karate.

I karateka liberi della nostro Repubblica Indipendente.

Sono karateka liberi che praticano per la gioia di praticare, che si oppongono allo strapotere delle Federazioni e che vogliono salvare il Karate.

Scrivo loro approfondimenti, spunti, riflessioni, suggerisco libri e condivido strategie per l’allenamento.

Vuoi essere uno di noi?

Altri articoli che ti potrebbero piacere:

Il karate del futuro

Il karate del futuro

Come deve essere il karate del futuro? È possibile strutturare un karate moderno, che parli alle persone di oggi, che aiuti le nuove generazioni a...

Cos’è il Do?

Cos’è il Do?

Qualche tempo fa, leggendo, ho scoperto che 'Tao' significa via in cinese, e in giapponese si traduce come 'Do'. Questa rivelazione ha scatenato una...