Cosa significa karate

Il termine “karate” è ormai conosciuto a livello globale e spesso tradotto come “mano vuota”. Tuttavia, non tutti sono a conoscenza delle origini profonde e dei molteplici significati di questa parola. In una recente chiacchierata con il dottor Alberto La Spada, abbiamo esplorato insieme le radici storiche e culturali del karate, scoprendo curiosità affascinanti che forse non tutti conoscono.

Okinawa: la culla del karate

Il karate ha le sue radici sull’isola di Okinawa, una volta un regno indipendente con forti legami culturali e politici con la Cina. Storicamente, Okinawa ha avuto un ruolo unico, fungendo da ponte culturale tra la Cina e il Giappone. Questa posizione ha influenzato profondamente lo sviluppo delle arti marziali nell’isola, portando alla nascita del karate, originariamente influenzato dalle pratiche marziali cinesi.

La mano cinese e la mano vuota

Durante la nostra discussione, Alberto ha illustrato come originariamente il karate fosse conosciuto con termini che riflettevano questa eredità cinese. I caratteri usati per scrivere “karate” in passato significavano “mano cinese”, una diretta allusione alle sue radici. Tuttavia, con il tempo e sotto l’influenza giapponese, il significato e persino i caratteri sono stati adattati, trasformando “la mano cinese” in “la mano vuota”. Questo cambio rifletteva non solo una localizzazione del termine ma anche un adattamento filosofico, allineandolo più strettamente ai valori giapponesi.

Da arte marziale a filosofia di vita

Con l’annessione di Okinawa al Giappone e il crescente nazionalismo giapponese, il karate ha subito un’ulteriore evoluzione. Il termine “Do”, che significa “via” o “percorso”, è stato aggiunto al karate, trasformandolo da una semplice pratica fisica a una vera e propria disciplina filosofica. Questo cambiamento non solo ha giapponesizzato ulteriormente il karate ma ha anche elevato la pratica a un livello spirituale e filosofico, integrandola nel tessuto culturale giapponese.

L’importanza della lingua e della cultura

Durante la nostra conversazione, è emerso chiaramente come la lingua e la cultura influenzino profondamente la percezione e la pratica del karate. L’evoluzione del suo nome e significato è un perfetto esempio di come le arti marziali non siano solo sistemi di combattimento, ma anche espressioni viventi delle culture che le adottano e le adattano.

Conclusione: un ponte tra passato e presente

Parlando con Alberto, ho avuto modo di apprezzare quanto sia ricca e complessa la storia del karate. Da arte marziale importata dalla Cina a simbolo nazionale del Giappone, il karate rappresenta un incredibile ponte tra diverse culture e epoche. La sua storia è un promemoria potente di come le pratiche culturali viaggino, si adattino e sopravvivano attraverso i secoli.

Quindi, la prossima volta che indossi il tuo gi e ti alleni, ricorda che stai partecipando a una pratica che è molto più di una semplice serie di movimenti fisici. Stai portando avanti una ricca eredità culturale che ha attraversato mari e continenti, evolvendosi continuamente ma mantenendo sempre un legame con le sue radici.

Ti va di sentirci?
Ogni giorno pubblico un micro podcast sul mio canale Telegram. Condivido qualche chicca sul karate, ti racconto qualcosa della mia vita da insegnante, rispondo alle domande degli iscritti al canale o semplicemente condivido qualche mio volo pindarico.
Per iscriverti devi semplicemente cliccare sul link qui sotto:

👉 ISCRIVITI AL MIO CANALE TELEGRAM

Puoi ascoltare il podcast anche su:

Eugenio

Dal 2009 Eugenio Credidio contrabbanda karate autentico ad Alessandria e nel web e insegna a riconoscere, prevenire e combattere la violenza. Oltre al sui dojo di Alessandria gestisce il canale YouTube di karate tradizionale più seguito d'Italia. Ha ideato il metodo di autodifesa Urban Budo che è stato riconosciuto dal CONI nel 2019. Nel 2013 ha pubblicato assieme al Maestro Balzarro, "On the road" per la OM edizioni e, nel 2020, "Passeggiando per la Via - Storia, riti e gesti del karate".

I Pirati del Karate

Ogni settimana scrivo una mail riservata ai Pirati del Karate.

I karateka liberi della nostro Repubblica Indipendente.

Sono karateka liberi che praticano per la gioia di praticare, che si oppongono allo strapotere delle Federazioni e che vogliono salvare il Karate.

Scrivo loro approfondimenti, spunti, riflessioni, suggerisco libri e condivido strategie per l’allenamento.

Vuoi essere uno di noi?

Altri articoli che ti potrebbero piacere:

Il karate del futuro

Il karate del futuro

Come deve essere il karate del futuro? È possibile strutturare un karate moderno, che parli alle persone di oggi, che aiuti le nuove generazioni a...

Cos’è il Do?

Cos’è il Do?

Qualche tempo fa, leggendo, ho scoperto che 'Tao' significa via in cinese, e in giapponese si traduce come 'Do'. Questa rivelazione ha scatenato una...