Enpi: vola come una rondine

Alcuni kata hanno nel loro nome l’indicazione di come vanno eseguiti. Enpi è uno di questi.

Volo di rondine.

Portai questo kata all’esame da secondo dan e, insieme a Gankaku, è uno dei miei kata preferiti.

In Enpi il karateka diventa aria, diventa brezza, diventa una rondine, che guizza e saetta nel cielo con eleganza e rapidità.

Il nome originario di questo kata era Wanshu, forse perché creato dal un famoso maestro di Okinawa: Suppashi Wanshu. Il nome poi venne modificato probabilmente da Funakoshi.

È un kata caratterizzato da brevi e repentine esplosioni cinetiche seguite poi da movimenti più dolci e calmi.

Il suo marchio di fabbrica è l’age tsuki, un pugno particolare che parte dal fianco seguendo una traiettoria ascendente, simile proprio a una rodine che spicca verso il cielo. Pugno che ormai, in gara, è stato sostituito da un semplice gyaku tsuki jodan, perché più rapido e più pulito.

Ma questa non è l’unica modifica che è stata fatta a Enpi nel settore agonistico.

Il kakete dopo l’age tsuki spesso si trasforma in un movimento vuoto e senza significato. Il cosa dachi viene fatto poco profondo per rendere più rapido il passaggio al kokutsu dachi – gedan barai e dove il piede dovrebbe strisciare spesso batte il pavimento.

Modifiche che forse rendono il kata più spettacolare, ma che ne stravolgono il significato tecnico.

Altro aspetto per cui è conosciuto Enpi è per il suo salto finale, il primo salto complicato che affronta il karateka nel suo percorso di studi, e che lo rende un kata particolarmente apprezzato in ambito agonistico.

Ma a me, quello che rapisce il cuore, sono i delicati teisho uke finali che ricordano i movimenti tranquilli delle rondini quando pacifiche perlustrano il cielo al tramonto.

È un kata caratterizzato da continui cambi di tempo, che richiede equilibrio, senso del ritmo e un grande controllo dell’anca.

Le persone più mature spesso non lo amano perché richiede delle buone capacità di forza esplosiva, ma credo che il fulcro di questo kata non stia nella rapidità dell’esecuzione, che è soggettiva, quanto nell’imparare a giocare con il ritmo e con le altezze.

Enpi è un kata ci chiede di guardare la natura e d’imparare da lei.

Se cerchi altri video di approfondimento tecnico ti suggerisco di dare un’occhiata a Karatepedia, l’enciclopedia online del karate. Trovi tutte informazioni qui.

Ti va di sentirci?
Ogni giorno pubblico un micro podcast sul mio canale Telegram. Condivido qualche chicca sul karate, ti racconto qualcosa della mia vita da insegnante, rispondo alle domande degli iscritti al canale o semplicemente condivido qualche mio volo pindarico.
Per iscriverti devi semplicemente cliccare sul link qui sotto:

👉 ISCRIVITI AL MIO CANALE TELEGRAM

Eugenio

Dal 2009 Eugenio Credidio contrabbanda karate autentico ad Alessandria e nel web e insegna a riconoscere, prevenire e combattere la violenza. Oltre al sui dojo di Alessandria gestisce il canale YouTube di karate tradizionale più seguito d'Italia. Ha ideato il metodo di autodifesa Urban Budo che è stato riconosciuto dal CONI nel 2019. Nel 2013 ha pubblicato assieme al Maestro Balzarro, "On the road" per la OM edizioni e, nel 2020, "Passeggiando per la Via - Storia, riti e gesti del karate".

I Pirati del Karate

Ogni settimana scrivo una mail riservata ai Pirati del Karate.

I karateka liberi della nostro Repubblica Indipendente.

Sono karateka liberi che praticano per la gioia di praticare, che si oppongono allo strapotere delle Federazioni e che vogliono salvare il Karate.

Scrivo loro approfondimenti, spunti, riflessioni, suggerisco libri e condivido strategie per l’allenamento.

Vuoi essere uno di noi?

Altri articoli che ti potrebbero piacere:

Bassai Sho

Bassai Sho

Sono molto affezionato a Bassai Sho. Lo imparai da ragazzino con Mino, un caro amico che nel periodo adolescenziale per me è stato quasi un secondo...