Il Karate fa diventare violenti?

Il mondo delle arti marziali è affascinante, ma quando si tratta di far iniziare i propri figli al karate, molti genitori si pongono dubbi legittimi. Nel podcast di oggi, esplorerò queste preoccupazioni comuni e darò qualche risposta ai dubbi di quei genitori che desiderano far avvicinare i propri figli al karate.

Il Mito dell’Effetto Cobra Kai:

Molte preoccupazioni dei genitori ruotano attorno a un mito comune: l’effetto Cobra Kai.

I genitori temono che far praticare il karate ai propri figli li renderà violenti e aggressivi. È un timore comprensibile, ma è fondamentale comprendere che il karate non ha lo scopo di insegnare la violenza. L’arte marziale insegna abilità difensive, ma il suo obiettivo principale è evitare il conflitto.

Il Concetto di Karate Nisente Nashi:

Uno dei principi chiave del karate è “Karate Nisente Nashi,” che significa “nel karate, non si attacca mai per primi.”

Questo principio riflette l’essenza dell’arte marziale, che si basa sulla difesa personale e il rispetto per gli altri. I praticanti di karate imparano a evitare il combattimento, poiché sanno quanto sia rischioso, sia per sé stessi che per gli altri.

Il Karate come Via della Pace:

Nonostante la natura marziale del karate, il suo vero spirito è basato sulla pace e sull’amore universale.

I praticanti del karate seguono la “via del Budo,” che può essere tradotta come la “via della pace.”

Questo concetto potrebbe sembrare controintuitivo, ma in realtà è il cuore del karate, che mira a insegnare la responsabilità, la gentilezza e il rispetto per gli altri.

Il Ruolo degli Insegnanti:

Un punto chiave nell’evitare il mito dell’effetto Cobra Kai è il ruolo degli insegnanti. Gli insegnanti di karate devono trasmettere l’etica e l’importanza di utilizzare le proprie abilità con responsabilità.

Devono insegnare ai bambini il concetto di autodifesa e l’importanza di non utilizzare la violenza a meno che non sia assolutamente necessario.

Le Dieci Regole dei Guerrieri dal Cuore Limpido:

Per aiutare i bambini a comprendere l’etica del karate ho ideato le “dieci regole dei guerrieri dal cuore limpido.” Queste regole riflettono i principi del karate e aiutano i bambini a sviluppare un forte senso di responsabilità, gentilezza e rispetto. Le dieci regole includono:

  1. Sii sempre sincero e onesto.
  2. Non arrenderti mai, nemmeno quando le cose sembrano difficili.
  3. Sii gentile e cortese con tutti, compreso te stesso.
  4. Non ti arrabbiare, la rabbia è un fuoco che brucia solo chi lo accende.
  5. Non aver paura di sbagliare e impara dai tuoi errori.
  6. Evita la violenza, è l’arma dei deboli e dei vigliacchi.
  7. Cerca di essere un esempio per gli altri.
  8. Difendi chi è più debole di te e non accettare le ingiustizie.
  9. Rispetta sempre tutti, perché tutti possono insegnarti qualcosa.
  10. Cerca di non fare mai del male a nessuno, né con i gesti né con le parole.

Queste regole aiutano i bambini a sviluppare una mentalità positiva e a comprendere che il karate è molto di più di una serie di mosse fisiche.

Conclusione:

In conclusione, il karate è un’arte marziale che insegna valori importanti e responsabilità. Se si insegnano correttamente i principi del karate, i bambini non diventeranno violenti ma cresceranno con un forte senso di rispetto e autodisciplina. La pratica del karate può essere un’esperienza positiva che contribuisce allo sviluppo dei bambini in molti modi.

Quindi, genitori, non temete il mito dell’effetto Cobra Kai. Il karate è una disciplina che insegna la gentilezza, il rispetto e la responsabilità, e può essere un regalo prezioso per i vostri figli.

Ricorda sempre che il karate è la via della pace e dell’amore universale.

Ti va di sentirci?
Ogni giorno pubblico un micro podcast sul mio canale Telegram. Condivido qualche chicca sul karate, ti racconto qualcosa della mia vita da insegnante, rispondo alle domande degli iscritti al canale o semplicemente condivido qualche mio volo pindarico.
Per iscriverti devi semplicemente cliccare sul link qui sotto:

👉 ISCRIVITI AL MIO CANALE TELEGRAM

Puoi ascoltare il podcast anche su:

Eugenio

Dal 2009 Eugenio Credidio contrabbanda karate autentico ad Alessandria e nel web e insegna a riconoscere, prevenire e combattere la violenza. Oltre al sui dojo di Alessandria gestisce il canale YouTube di karate tradizionale più seguito d'Italia. Ha ideato il metodo di autodifesa Urban Budo che è stato riconosciuto dal CONI nel 2019. Nel 2013 ha pubblicato assieme al Maestro Balzarro, "On the road" per la OM edizioni e, nel 2020, "Passeggiando per la Via - Storia, riti e gesti del karate".

I Pirati del Karate

Ogni settimana scrivo una mail riservata ai Pirati del Karate.

I karateka liberi della nostro Repubblica Indipendente.

Sono karateka liberi che praticano per la gioia di praticare, che si oppongono allo strapotere delle Federazioni e che vogliono salvare il Karate.

Scrivo loro approfondimenti, spunti, riflessioni, suggerisco libri e condivido strategie per l’allenamento.

Vuoi essere uno di noi?

Altri articoli che ti potrebbero piacere:

Il karate del futuro

Il karate del futuro

Come deve essere il karate del futuro? È possibile strutturare un karate moderno, che parli alle persone di oggi, che aiuti le nuove generazioni a...

Cos’è il Do?

Cos’è il Do?

Qualche tempo fa, leggendo, ho scoperto che 'Tao' significa via in cinese, e in giapponese si traduce come 'Do'. Questa rivelazione ha scatenato una...