Karate, bulli e un bambino cicciotello

La prima volta che misi piede in un dojo di karate avevo 7 anni.

Ero un bambino bassotto, cicciottello e introverso. Ah, e non dimentichiamoci insicuro.

All’epoca avevo qualche difficoltà a leggere, soprattutto a voce alta, e le prese in giro dei miei compagni unite ad un comportamento non proprio comprensivo delle mie maestre dettero una bella mazzata alla mia autostima.

A questo si aggiungevano le angherie di 3 bulletti che ogni giorno mi tormentavano all’intervallo.

Così mia madre, nel tentativo di aiutarmi, mi propose di provare un corso di karate. Proposta che io accettai con gioia, dato che ero un fanatico di Karate Kid.

Sarò onesto: all’inizio non fui conquistato dal karate. Le prime lezioni erano di una noia mortale.

Ciò che mi conquistò fu il rispetto che i miei compagni ebbero per me fin dal primo giorno.

Fui subito accolto e considerato “uno di loro”, uno che valeva tanto quanto “uno loro”. E per un bambino che negli ultimi mesi si sera sentito l’ultima ruota del carro questo fu…beh…WOW!

A differenza di altri sport che avevo provato, nel karate non contava se eri alto, basso, magro, grasso. Non contava se avevi l’attrezzatura firmata o se ottenevi dei risultati per la squadra.

Nel karate contava solo una cosa: quanto impegno ci mettevi. Se ci mettevi tutto te stesso, se ci provavi senza risparmiarti, se ti mettevi in gioco allora eri un karateka e anche le cinture nere ti rispettavano e stimavano.

Fu subito amore. 

Negli anni il karate ha formato il mio carattere e il mio modo di vedere al mondo ed il dojo è stato il mio porto sicuro nel difficile periodo del liceo.

Solo oggi, fermandomi a pensare, mi rendo conto di quanto questa disciplina abbia fatto per me.

Il karate mi ha permesso di sviluppare sicurezza in me stesso, determinazione , autocontrollo e autodisciplina.

Mi ha insegnato che il rispetto per me stesso, per gli altri e per i miei avversari. 

Mi ha insegnato che il successo richiede impegno, costanza e tenacia. Che sbagliare è importante perché solo sbagliando si può imparare.

Mi ha insegnato a non arrendermi.

Mi ha insegnato che ognuno di noi è importante e può fare la differenza.

E credo sia proprio per fare la differenza che nel 2009 ho mollato tutto ed ho risposto a quella che per me è stata una vera e propria chiamata e ho iniziato a insegnare. Partendo proprio dai bambini che sono la nostra occasione, oggi, per cambiare il mondo di domani.

D’altronde pensa come sarebbe il mondo se tutti praticassero karate…

Vuoi provare questa esperienza sulla tua pelle? Prendi un appuntamento e vieni a fare 2 settimane di prova. Il mio dojo è sempre aperto per chi si vuole impegnare.

Ti va di sentirci?
Ogni giorno pubblico un micro podcast sul mio canale Telegram. Condivido qualche chicca sul karate, ti racconto qualcosa della mia vita da insegnante, rispondo alle domande degli iscritti al canale o semplicemente condivido qualche mio volo pindarico.
Per iscriverti devi semplicemente cliccare sul link qui sotto:

👉 ISCRIVITI AL MIO CANALE TELEGRAM

Puoi ascoltare il podcast anche su:

Eugenio

Dal 2009 Eugenio Credidio contrabbanda karate autentico ad Alessandria e nel web e insegna a riconoscere, prevenire e combattere la violenza. Oltre al sui dojo di Alessandria gestisce il canale YouTube di karate tradizionale più seguito d'Italia. Ha ideato il metodo di autodifesa Urban Budo che è stato riconosciuto dal CONI nel 2019. Nel 2013 ha pubblicato assieme al Maestro Balzarro, "On the road" per la OM edizioni e, nel 2020, "Passeggiando per la Via - Storia, riti e gesti del karate".

Ci sono cose che puoi dire solo agli amici...

Amo scrivere lettere.

La lettera permette di entrare in intimità con l’altra persona, fare confessioni che non avresti mai avuto il coraggio di fare a voce e condividere segreti.

Per questo sto cercando degli amici di penna.

Persone con cui condividere riflessioni, pensieri, schemi, pagine del mio diario di allenamento, esperimenti che ho fatto a lezione. Insomma tutte quelle cose intime che non mi va di buttare tra le fauci del web.

Vuoi essere uno di loro?

Altri articoli che ti potrebbero piacere

3 bugie da aspiranti karateka

3 bugie da aspiranti karateka

La mia cantina è stata tante cose. È stata la tavernetta in cui organizzavo le mie epiche feste, è stata la sala prove del mio gruppo e, dal 2008 al 2010, è stato il mio dojo. Quando ho fondato il dojo non avevo a disposizione i locali in cui insegno ora e tenevo i...

L’albero del karate

L’albero del karate

Immagina un albero. Lo hai fatto? Un albero bello, grande rigoglioso, che svetta in un bel prato in una tiepida mattina d’estate. L’albero del karate. L’albero del tuo karate Le tecniche fondamentali sono le radici sue radici. Sono quelle tecniche che ti...

14 domande settembrine sul karate

14 domande settembrine sul karate

È settembre il dojo riapre e nuovi aspiranti praticanti verrano a chiedermi informazioni sul karate e sui nostri corsi. Questo è il nostro 13 settembre e, dopo 13 stagioni, so già quali sono le domande che genitori e adulti mi faranno sul karate e so anche quante...

Karate Soul: scopri l'anima del karate

Parti per un viaggio con me.

In questo corso gratuito ti accompagnero in 9 tappe alla scoperta dell'anima autentica del karate.

Compila il modulo per ricevere subito la tua carta d'imbarco.

You have Successfully Subscribed!