Karate: inclusivo dal 1929

Il karate è famoso per insegnare l’educazione, ma l’educazione, anzi la creanza, è solo uno dei valori che insegna.

In un dojo parole come “inclusione” e “meritocrazia” non solo hashtag popolari o parole di cui fare sfoggio al pub con gli amici, sono realtà vissute ogni giorno.

Dentro il dojo l’unica cosa che conta è quanto sei disposto a impegnarti, indipendentemente da tutto il resto.

Nel karate siamo tutti uguali

Nel karate, non importa chi sei o da dove vieni. Che tu sia giovane o meno giovane, di qualunque colore della pelle o background culturale, nel dojo, queste differenze svaniscono. Qui conta solo quanto sei disposto a metterti in gioco. “Impegnati e rispetta gli altri”, questo è il mantra che echeggia tra le pareti del nostro spazio sacro. Niente vestiti di marca o attrezzature lussuose; qui, il valore di una persona si misura attraverso la passione e il sudore versato su quel tappetino.

Un mosaico di diversità: la comunità del karate

Ho avuto la fortuna di incontrare persone incredibili grazie al karate, persone di tutte le età, provenienze e identità. Il dojo si rivela un luogo dove l’accettazione è la norma e il cameratismo regna sovrano. Ricordo le lezioni con bambini, adolescenti e adulti, tutti insieme, apprendendo non solo tecniche di difesa personale, ma anche il valore della diversità e del rispetto reciproco.

Lezioni dall’esperienza personale: sfide e trionfi

Ti racconto un po’ della mia avventura: da giovane entusiasta, mi sono trovato a confrontarmi con sfide che avrebbero scoraggiato molti. I primi giorni furono durissimi, una vera e propria prova di resistenza fisica e mentale. Ma non mi arresi. Quella resilienza mi ha guadagnato il rispetto dei miei compagni e ha rafforzato la mia determinazione, insegnandomi che il vero valore sta nello sforzo continuo e nell’impegno costante.

Un appello per la saggezza universale: lezioni oltre il Dojo

Forse le risposte ai problemi della nostra società non si trovano nei continui dibattiti, ma nell’ambiente tranquillo di un dojo, dove il pregiudizio e il giudizio sono assenti. Se potessimo applicare la mentalità del karate al di fuori delle sue mura, immagina quanto saremmo più uniti e armoniosi.

Abbracciare la diversità attraverso la dedizione

Nel contesto globale attuale, il karate si posiziona come una guida verso un’integrazione autentica e meritocratica. Oltre le etichette esterne, quello che veramente conta è il nostro impegno comune verso la crescita personale e collettiva. Prendiamo spunto dal karate per superare le divisioni e costruire connessioni significative attraverso il rispetto e la dedizione. Nel fare questo, non solo miglioriamo noi stessi, ma anche il mondo intorno a noi.

Ti va di sentirci?
Ogni giorno pubblico un micro podcast sul mio canale Telegram. Condivido qualche chicca sul karate, ti racconto qualcosa della mia vita da insegnante, rispondo alle domande degli iscritti al canale o semplicemente condivido qualche mio volo pindarico.
Per iscriverti devi semplicemente cliccare sul link qui sotto:

👉 ISCRIVITI AL MIO CANALE TELEGRAM

Puoi ascoltare il podcast anche su:

Eugenio

Dal 2009 Eugenio Credidio contrabbanda karate autentico ad Alessandria e nel web e insegna a riconoscere, prevenire e combattere la violenza. Oltre al sui dojo di Alessandria gestisce il canale YouTube di karate tradizionale più seguito d'Italia. Ha ideato il metodo di autodifesa Urban Budo che è stato riconosciuto dal CONI nel 2019. Nel 2013 ha pubblicato assieme al Maestro Balzarro, "On the road" per la OM edizioni e, nel 2020, "Passeggiando per la Via - Storia, riti e gesti del karate".

I Pirati del Karate

Ogni settimana scrivo una mail riservata ai Pirati del Karate.

I karateka liberi della nostro Repubblica Indipendente.

Sono karateka liberi che praticano per la gioia di praticare, che si oppongono allo strapotere delle Federazioni e che vogliono salvare il Karate.

Scrivo loro approfondimenti, spunti, riflessioni, suggerisco libri e condivido strategie per l’allenamento.

Vuoi essere uno di noi?

Altri articoli che ti potrebbero piacere:

Il karate del futuro

Il karate del futuro

Come deve essere il karate del futuro? È possibile strutturare un karate moderno, che parli alle persone di oggi, che aiuti le nuove generazioni a...

Cos’è il Do?

Cos’è il Do?

Qualche tempo fa, leggendo, ho scoperto che 'Tao' significa via in cinese, e in giapponese si traduce come 'Do'. Questa rivelazione ha scatenato una...