Karate per la difesa personale: allenarsi con un avversario non collaborativo

Sai perché le tecniche che vedi nei video di difesa personale o negli stage funzionano sempre?

Perché l’avversario è collaborativo e si muove secondo uno schema prestabilito in partenza.

Faccio un esempio: il mio avversario mi tira un diretto destro e poi sta fermo, lasciandomi campo libero per applicare la tecnica che sto studiando.

Questo approccio è giusto per studiare le tecniche, ma crea un’immagine distorta nella mente di chi si allena. Ripetendo tante volte questo schema i praticanti arrivano a pensare che le cose vadano così e che tutte le tecniche riescano.

Se vuoi vivere nel mondo degli unicorni e basare il tuo bagaglio tecnico su delle fantasie va benissimo approcciarsi alla difesa personale in questo modo.

Ma se vuoi valutare in modo più sincero se riesci ad applicare quello che hai imparato dovrai cambiare approccio. Al costo di prendere qualche tram sui denti e renderti conto che ci sono cose che, quantomeno per te, non funzionano.

Per fare questo devi allenarti con un avversario non collaborativo. Ti faccio vedere di cose si tratta nel nuovo capitolo del karate per la difesa personale.

È una forma di allenamento falsata perché limita molto ciò che chi si difende può fare, ma è un ottimo test per valutare una tecnica o una sequenza tecnica.

Avviso spoiler: tutti possono sbagliare in questa forma di pratica, anche io. Infatti io non riuscirò ad applicare la tecnica che propongo. Poco male: so che la sequenza non va bene per me o che devo allenarmi di più per riuscire ad applicarla.

Ti va di sentirci?
Ogni giorno pubblico un micro podcast sul mio canale Telegram. Condivido qualche chicca sul karate, ti racconto qualcosa della mia vita da insegnante, rispondo alle domande degli iscritti al canale o semplicemente condivido qualche mio volo pindarico.
Per iscriverti devi semplicemente cliccare sul link qui sotto:

👉 ISCRIVITI AL MIO CANALE TELEGRAM

Eugenio

Dal 2009 Eugenio Credidio contrabbanda karate autentico ad Alessandria e nel web e insegna a riconoscere, prevenire e combattere la violenza. Oltre al sui dojo di Alessandria gestisce il canale YouTube di karate tradizionale più seguito d'Italia. Ha ideato il metodo di autodifesa Urban Budo che è stato riconosciuto dal CONI nel 2019. Nel 2013 ha pubblicato assieme al Maestro Balzarro, "On the road" per la OM edizioni e, nel 2020, "Passeggiando per la Via - Storia, riti e gesti del karate".

Ci sono cose che puoi dire solo agli amici...

Amo scrivere lettere.

La lettera permette di entrare in intimità con l’altra persona, fare confessioni che non avresti mai avuto il coraggio di fare a voce e condividere segreti.

Per questo sto cercando degli amici di penna.

Persone con cui condividere riflessioni, pensieri, schemi, pagine del mio diario di allenamento, esperimenti che ho fatto a lezione. Insomma tutte quelle cose intime che non mi va di buttare tra le fauci del web.

Vuoi essere uno di loro?

Altri articoli che ti potrebbero piacere

Karate per la difesa personale: difendersi da un avversario armato

Karate per la difesa personale: difendersi da un avversario armato

Questo è il capitolo conclusivo della prima stagione di Karate per la Difesa personale. E ho deciso di chiudere con un argomento su cui mi avete fatto molte domande: come ci si difende da un avversario armato. Come darvi torto: ormai chiunque parli di difesa personale...

Karate per la difesa personale: la gestione del dialogo

Karate per la difesa personale: la gestione del dialogo

La gestione del dialogo è la parte più difficile da allenare nella difesa personale. Allenare la gestione del dialogo significa mettersi in gioco e andare a toccare alcune corde sensibili che metto a disagio o in imbarazzo. Per questo molti preferiscono evitare, ma il...

Karate Soul: scopri l'anima del karate

Parti per un viaggio con me.

In questo corso gratuito ti accompagnero in 9 tappe alla scoperta dell'anima autentica del karate.

Compila il modulo per ricevere subito la tua carta d'imbarco.

You have Successfully Subscribed!