La preparazione atletica nel karate (parte 1)

Il karate da solo non basta.

Sebbene il karate offra una gamma completa di movimenti e tecniche, quando si tratta di sviluppare le capacità fisiche a un livello ottimale, come la resistenza metabolica o la forza muscolare, il solo allenamento tecnico non è sufficiente.

Proprio per questo motivo, nel mio dojo, abbiamo adottato un approccio sistematico hai test di efficienza fisica.

Una volta al mese, ci dedichiamo completamente a valutare la condizione fisica dei nostri ragazzi. Questo ci permette di personalizzare gli allenamenti e di assicurare che ogni karateka non solo migliori tecnicamente ma diventi anche più forte, più veloce e più resistente. Non è un compito facile, ma i miglioramenti che vedo anno dopo anno mi convincono che stiamo facendo la cosa giusta.

Preparazione atletica: non solo per i giovani leoni

E non pensare che la preparazione atletica sia solo per i giovani o per chi aspira a competizioni di alto livello. No, caro amico. Ogni praticante di karate, da chi frequenta il dojo una volta alla settimana a chi si allena quotidianamente, può trarre benefici enormi da un allenamento fisico adeguato. Dobbiamo pensare alla nostra salute e al benessere a lungo termine, non solo alle prestazioni immediate.

La routine di allenamento nel mio dojo

Nel mio dojo, la preparazione fisica è integrata in maniera strategica nell’allenamento. Combiniamo il riscaldamento con esercizi di forza, resistenza e flessibilità, organizzati in cicli di lavoro che si adattano alle esigenze e agli obiettivi di ciascun karateka. E tutto questo in soli 35-40 minuti per sessione! Sì, abbiamo fatto dei veri e propri miracoli per ottimizzare il tempo a disposizione.

La sfida della preparazione atletica

Capisco che inserire un serio lavoro di preparazione fisica nei dojo non è semplice. Richiede conoscenze, dedicazione e una pianificazione accurata. Ma ti assicuro, vale la pena! E se anche tu sei un insegnante, ti incoraggio a prendere in considerazione questo aspetto cruciale dell’allenamento. Non accontentarti di insegnare tecniche: costruisci atleti forti, resistenti e sani.

Concludendo…

Oggi ho condiviso con te la filosofia di allenamento che adotto nel mio dojo e l’importanza vitale della preparazione fisica nel karate.

Spero che queste informazioni ti abbiano dato qualche spunto di riflessione e magari ispirato a esaminare e potenzialmente migliorare il modo in cui ti alleni.

Ti va di sentirci?
Ogni giorno pubblico un micro podcast sul mio canale Telegram. Condivido qualche chicca sul karate, ti racconto qualcosa della mia vita da insegnante, rispondo alle domande degli iscritti al canale o semplicemente condivido qualche mio volo pindarico.
Per iscriverti devi semplicemente cliccare sul link qui sotto:

👉 ISCRIVITI AL MIO CANALE TELEGRAM

Puoi ascoltare il podcast anche su:

Eugenio

Dal 2009 Eugenio Credidio contrabbanda karate autentico ad Alessandria e nel web e insegna a riconoscere, prevenire e combattere la violenza. Oltre al sui dojo di Alessandria gestisce il canale YouTube di karate tradizionale più seguito d'Italia. Ha ideato il metodo di autodifesa Urban Budo che è stato riconosciuto dal CONI nel 2019. Nel 2013 ha pubblicato assieme al Maestro Balzarro, "On the road" per la OM edizioni e, nel 2020, "Passeggiando per la Via - Storia, riti e gesti del karate".

I Pirati del Karate

Ogni settimana scrivo una mail riservata ai Pirati del Karate.

I karateka liberi della nostro Repubblica Indipendente.

Sono karateka liberi che praticano per la gioia di praticare, che si oppongono allo strapotere delle Federazioni e che vogliono salvare il Karate.

Scrivo loro approfondimenti, spunti, riflessioni, suggerisco libri e condivido strategie per l’allenamento.

Vuoi essere uno di noi?

Altri articoli che ti potrebbero piacere:

Il karate del futuro

Il karate del futuro

Come deve essere il karate del futuro? È possibile strutturare un karate moderno, che parli alle persone di oggi, che aiuti le nuove generazioni a...

Cos’è il Do?

Cos’è il Do?

Qualche tempo fa, leggendo, ho scoperto che 'Tao' significa via in cinese, e in giapponese si traduce come 'Do'. Questa rivelazione ha scatenato una...