La respirazione del karate: intervista a Mike Maric

Nel mondo del karate, così come in molte altre discipline sportive, la respirazione gioca un ruolo fondamentale. Il nostro ospite d’eccezione, il dottor Mike Maric, esperto di fisiologia dell’esercizio e campione del mondo di apnea, ci ha offerto un approfondimento sulle tecniche di respirazione e come queste influenzino la performance atletica.

In particolare, abbiamo discusso del Mokuso, una pratica di meditazione del karate che incentiva un profondo focus sulla respirazione. Mike ha sottolineato che attraverso una corretta respirazione si possono ottenere benefici notevoli sia a livello fisico che mentale, essenziali per qualunque karateka.

La funzione respiratoria nelle pratiche marziali

Spesso sottovalutiamo l’importanza del naso nella respirazione. Come Mike ha evidenziato, il naso non è solo un passaggio d’aria ma contribuisce alla sua purificazione, riscaldamento e umidificazione prima che questa raggiunga i polmoni. Inoltre, esso svolge un ruolo chiave nella produzione dell’ossido nitrico, un gas con molteplici funzioni vitali nel corpo.

Nella discussione, il contrasto tra respirazione orale e nasale è stato analizzato in dettaglio. Maric si è espresso a favore di un approccio che predilige l’uso di quest’ultima, anche sotto sforzo, per massimizzare l’efficienza respiratoria e la performance atletica.

Adattare la respirazione al contesto

La variabilità è una componente chiave quando parliamo di respirazione. Secondo l’approccio del dottor Maric, l’atleta deve essere in grado di modulare la propria respirazione a seconda delle esigenze specifiche del momento – che sia il recupero post-allenamento o l’esecuzione di tecniche come calci e pugni. L’uso dell’apnea, sia in fase inspiratoria che espiratoria, può avere un impatto significativo sulla stabilità e la forza.

Esercizi di respirazione e benefici

Il mio ospite ha introdotto i concetto di”box breathing”, un metodo di respirazione a quattro tempi che contribuisce ad aumentare il focus e la concentrazione. Questo approccio è supportato da studi che coinvolgono pletismografia, biofeedback e neurofeedback.

L’impatto dell’uso prolungato delle mascherine sulla salute respiratoria è stata un’altra questione sollevata durante la live. A questo proposito, Mike ha rassicurato gli ascoltatori che, nonostante il possibile disagio, le mascherine non presentano gravi rischi per la funzione respiratoria.

Per potenziare la resistenza respiratoria, infine, Mike ha suggerito una ginnastica respiratoria intensiva da praticare quotidianamente per almeno 15 minuti.

Trasmettere la conoscenza scientifica

Ci ho tenuto a enfatizzare come sia cruciale per gli insegnanti e gli studenti di karate comprendere le basi scientifiche delle tecniche respiratorie. Questo garantisce non solo una pratica più informata ma anche una migliore trasmissione del sapere tra le generazioni di artisti marziali.

Mike ha confermato tutto ciò, rimarcando il valore dell’esercizio della respirazione, che ha trovato applicazione in diverse discipline sportive, dal karate al Tai Chi.

Conclusione

La live con il dottor Mike Maric si è rivelata un’occasione preziosa per sviscerare la complessità di un tema spesso marginalizzato ma di vitale importanza nello sport e nella vita di tutti i giorni: la respirazione nel karate non è solo soffio, ma è energia che anima mente e corpo.

Ti va di sentirci?
Ogni giorno pubblico un micro podcast sul mio canale Telegram. Condivido qualche chicca sul karate, ti racconto qualcosa della mia vita da insegnante, rispondo alle domande degli iscritti al canale o semplicemente condivido qualche mio volo pindarico.
Per iscriverti devi semplicemente cliccare sul link qui sotto:

👉 ISCRIVITI AL MIO CANALE TELEGRAM

Puoi ascoltare il podcast anche su:

Eugenio

Dal 2009 Eugenio Credidio contrabbanda karate autentico ad Alessandria e nel web e insegna a riconoscere, prevenire e combattere la violenza. Oltre al sui dojo di Alessandria gestisce il canale YouTube di karate tradizionale più seguito d'Italia. Ha ideato il metodo di autodifesa Urban Budo che è stato riconosciuto dal CONI nel 2019. Nel 2013 ha pubblicato assieme al Maestro Balzarro, "On the road" per la OM edizioni e, nel 2020, "Passeggiando per la Via - Storia, riti e gesti del karate".

I Pirati del Karate

Ogni settimana scrivo una mail riservata ai Pirati del Karate.

I karateka liberi della nostro Repubblica Indipendente.

Sono karateka liberi che praticano per la gioia di praticare, che si oppongono allo strapotere delle Federazioni e che vogliono salvare il Karate.

Scrivo loro approfondimenti, spunti, riflessioni, suggerisco libri e condivido strategie per l’allenamento.

Vuoi essere uno di noi?

Altri articoli che ti potrebbero piacere:

Il karate del futuro

Il karate del futuro

Come deve essere il karate del futuro? È possibile strutturare un karate moderno, che parli alle persone di oggi, che aiuti le nuove generazioni a...

Cos’è il Do?

Cos’è il Do?

Qualche tempo fa, leggendo, ho scoperto che 'Tao' significa via in cinese, e in giapponese si traduce come 'Do'. Questa rivelazione ha scatenato una...