Lezioni di Karate: la differenza tra calci kekomi e keage

Ti va di sentirci?
Ogni giorno pubblico un micro podcast sul mio canale Telegram. Condivido qualche chicca sul karate, ti racconto qualcosa della mia vita da insegnante, rispondo alle domande degli iscritti al canale o semplicemente condivido qualche mio volo pindarico.
Per iscriverti devi semplicemente cliccare sul link qui sotto:

👉 ISCRIVITI AL MIO CANALE TELEGRAM

Un po’ di tempo fa Federico, un ragazzo di Torino di 23 anni, mi ha scritto chiedendomi che differenza c’è tra i calci kekomi e i calci keage nel karate.

Ci ho messo davvero una vita (e te ne chiedo scusa Federico)…ma alla fine sono riuscito a trovare il tempo per rispondergli!

La differenza tra i due calci di per se è molto semplice: uno, il kekomi, è spinto, mentre keage è a schiaffo…già ma che significa? Vediamo di capirlo meglio in questo video!

Ps: vuoi avere una copia del mio libro “Passeggiando per la Via”? Clicca sul qui sotto:

Pps: Vuoi averne una copia gratis e venire ad allenarti al dojo? Allora scrivimi a eugenio@dojoshinsui.com

Eugenio

Dal 2009 Eugenio Credidio contrabbanda karate autentico ad Alessandria e nel web e insegna a riconoscere, prevenire e combattere la violenza. Oltre al sui dojo di Alessandria gestisce il canale YouTube di karate tradizionale più seguito d'Italia. Ha ideato il metodo di autodifesa Urban Budo che è stato riconosciuto dal CONI nel 2019. Nel 2013 ha pubblicato assieme al Maestro Balzarro, "On the road" per la OM edizioni e, nel 2020, "Passeggiando per la Via - Storia, riti e gesti del karate".

I Pirati del Karate

Ogni settimana scrivo una mail riservata ai Pirati del Karate.

I karateka liberi della nostro Repubblica Indipendente.

Sono karateka liberi che praticano per la gioia di praticare, che si oppongono allo strapotere delle Federazioni e che vogliono salvare il Karate.

Scrivo loro approfondimenti, spunti, riflessioni, suggerisco libri e condivido strategie per l’allenamento.

Vuoi essere uno di noi?

Altri articoli che ti potrebbero piacere: