Come evitare l’85% delle aggressioni

Powered by RedCircle

Ti va di sentirci?
Ogni giorno pubblico un micro podcast sul mio canale Telegram. Condivido qualche chicca sul karate, ti racconto qualcosa della mia vita da insegnante, rispondo alle domande degli iscritti al canale o semplicemente condivido qualche mio volo pindarico.
Per iscriverti devi semplicemente cliccare sul link qui sotto:

👉 ISCRIVITI AL MIO CANALE TELEGRAM

Quella di oggi è in assoluto la puntata più importante sulla difesa personale che possa mai fare.

Quindi prenditi un po’ di tempo e vedi di rizzare le antenne, perché quello che ti spiegherò oggi potrà, un giorno, salvarti la vita.

Che poi non ti parlerò mica di un segreto: tutti sanno come evitare fino all’85% delle aggressioni. Solo che non lo dicono.

Non lo dicono perché se ricordassimo alla gente com’è facile evitare la violenza allora non venderemmo più i corsi di difesa personale (o ne venderemo molti meno).

Ma evitiamo le polemiche, che non portano mai a nulla, e andiamo subito al sodo: per evitare fino all’85% delle aggressioni basta adoperare la prevenzione.

Tutto qui. Basta tenere gli occhi aperti ed evitare di cacciarsi nei guai.

Lo so che tu ti aspettavi qualcosa di più. Lo so che avresti voluto la formula magica e non il consiglio della nonna. Ma la verità è che se le persone tenessero di più gli occhi più aperti e adoperassero delle semplici strategie preventive buona parte delle aggressioni non avverrebbero.

E questo non lo dico io, ma lo dicono persone del calibro di Gavin de Becker (ne Il dono della Paura”) e Rory Miller (in “Meditation on violence”).

Entrambi gli autori (e non solo loro) sono concordi su due punti:

  1. L’aggressore è un predatore e come tale cercherà sempre la preda più facile,
  2. La violenza casuale non esiste e le prede vengono accuratamente scelte,

Se riuscissi a fare davvero tuoi questi concetti capiresti che con dei semplici comportamenti preventivi saresti in grado di diventare una “preda difficile” e di percepire una tutti i campanelli di all’arme che si manifestano prima che una violenza venga metta in atto.

Detta così sembra magia, ma nel podcast ti spiego per filo e per segno questi concetti.

Puoi ascoltare il podcast anche su:

Eugenio

Dal 2009 Eugenio Credidio contrabbanda karate autentico ad Alessandria e nel web e insegna a riconoscere, prevenire e combattere la violenza. Oltre al sui dojo di Alessandria gestisce il canale YouTube di karate tradizionale più seguito d'Italia. Ha ideato il metodo di autodifesa Urban Budo che è stato riconosciuto dal CONI nel 2019. Nel 2013 ha pubblicato assieme al Maestro Balzarro, "On the road" per la OM edizioni e, nel 2020, "Passeggiando per la Via - Storia, riti e gesti del karate".

Ci sono cose che puoi dire solo agli amici...

Amo scrivere lettere.

La lettera permette di entrare in intimità con l’altra persona, fare confessioni che non avresti mai avuto il coraggio di fare a voce e condividere segreti.

Per questo sto cercando degli amici di penna.

Persone con cui condividere riflessioni, pensieri, schemi, pagine del mio diario di allenamento, esperimenti che ho fatto a lezione. Insomma tutte quelle cose intime che non mi va di buttare tra le fauci del web.

Vuoi essere uno di loro?

Altri articoli che ti potrebbero piacere

L’arma più forte nella difesa personale

L’arma più forte nella difesa personale

Questa è l’ultima puntata del podcast Autodifesa Semplice e ho voluto chiudere con il botto. Oggi ti parlerò in modo disilluso e realistico dell’arma più potente che puoi avere per difenderti e per farlo ti racconterò la storia di Patrizia.

Simulazioni: perché non le facciamo?

Simulazioni: perché non le facciamo?

Gli istruttori di difesa personale criticano spesso l’uso delle simulazioni.  Dicono che sono un’inutile farsa che non sarà mai in grado di riprodurre quello che succede realmente in strada. Quindi è meglio non farle. Ma, parafrasando Cole Porter, la mia domanda...

Nadide subisce un’aggressione

Nadide subisce un’aggressione

Nadide. Circa 25 anni, capelli cioccolato al latte, occhi penetranti e una fisicità felina. Una sera, ad Alessandria, andando a prendere la macchina nel parcheggio, si trova a gestire una brutta situazione. Questa è la storia di come ne è uscita.